Il picene, l’idrocarburo aromatico che rivoluzionerà l’elettronica

Un idrocarburo aromatico, il picene, è indicato come sicuro protagonista dell’elettronica del futuro. Le sue proprietà sono state studiate in Giappone e a Taiwan e descritte dal Journal of Chemical; secondo i ricercatori darà il via ad una tecnologia che risulterà rivoluzionaria, in particolare per i dispositivi portatili. I composti organici prenderanno il posto dei componenti elettronici, e il picene, presente nel catrame di carbon fossile, grazie alla struttura molecolare composta da cinque anelli di benzene condensati a forma di W, consentirà un rapido flusso degli elettroni senza perdere la stabilità chimica. Gli studi condotti hanno accertato che il picene a contatto con un substrato metallico, per la sua struttura a zig-zag, mantiene intatte le sue proprietà e può, quindi, essere depositato direttamente sull’elemento metallico senza la necessità di interporre uno strato stabilizzatore. Una condizione, secondo gli esperti, per arrivare ad avere un contatto di alta qualità e, di conseguenza, circuiti particolarmente efficienti.

dallaterrallaluna

Precedente I siti web sono più di un miliardo Successivo Quell'aereo che vide Auschwitz per la prima volta